<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=313378079251685&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
< torna al blog

Smart working e paternità: come i papà stanno affrontando il lavoro da casa

16 March, 2021    |     Team Reverse

Essere genitori e coniugare le esigenze del mondo del lavoro con quelle familiari non è mai stata un’impresa semplice. Ancor più complessa è diventata durante l’emergenza sanitaria, che da oltre un anno presenta ogni giorno nuove sfide e insidie: la mancanza di relazioni sociali, la drastica diminuzione di contatto tra colleghi, la complessità della DAD.

Si parla molto, e a ragion veduta, del disagio profondo che tutto ciò sta causando nei giovani ma un aspetto forse troppo trascurato è la salute e il benessere degli adulti: la pandemia ha mutato profondamente i rapporti di genitorialità. Ritrovarsi con i figli 24 ore al giorno e a strettissimo contatto con l’ambiente di casa hanno portato molti genitori e specialmente molti padri ad affrontare situazioni completamente inedite. 

Non è questa la sede per soffermarci sul perchè fino ad oggi i padri fossero meno presenti nel quotidiano domestico; quel che è certo è che molti di loro stanno vivendo una riscoperta del proprio ruolo, non senza sorprese. 

Questo è quanto emerso dall’indagine che abbiamo condotto con 150 professionisti-padri, per capire la portata dei cambiamenti introdotti dal Covid-19. Ecco i dettagli emersi dalle interviste. 

 

Smartworking e paternità

 

1. Da niente a tutto

Ben il 57% degli intervistati non aveva mai lavorato in smart working prima e invece l’ha fatto per molto tempo durante la pandemia.

Dall’1,2% all’8,8%: questo è il salto che la pandemia ha portato in merito a personale lavorativo italiano in smart working prima e dopo l'avvento del Covid-19.

Secondo la ricerca Istat “Situazione e prospettive delle imprese nell’emergenza sanitaria Covid-19, i settori più coinvolti sono stati i servizi di informazione e comunicazione (dal 5% al 48,8%), le attività professionali, scientifiche e tecniche (da 4,1% a 36,7%) e l’istruzione (da 3,1% a 33%). 

Anche dopo la fine del lockdown il trend è rimasto più che presente nelle nostre vite lavorative, e si prospetta che non sia una moda destinata a scomparire ma una nuova modalità di lavoro con cui imparare a convivere, sia per chi la apprezza molto sia per chi ancora non la ama. 

 

2. Papà e didattica a distanza

Andando più in profondità nelle nuove dinamiche, sulla totalità dei padri intervistati circa la metà si è occupato del supporto ai figli nella didattica a distanza. L’altra metà si è affidata per questo aspetto alla moglie o compagna o ad altre persone vicino al nucleo familiare, oppure non ha avuto bisogno di dare supporto alla DAD. Si capisce bene come il mix tra lavoro da casa e figli a casa sia uno stravolgimento notevole, certamente uno degli aspetti che hanno profondamente mutato gli equilibri domestici.

 


Ecco alcuni consigli pratici per mantenere alta la motivazione dei team da remoto:

New call-to-action


 

3. Il rapporto padre/figli è migliorato

Lo smart working è quindi un nuovo modello lavorativo con cui fare i conti e che, rispetto ad altri modelli che rimangono confinati tra le mura delle aziende, sta invece andando a influire pesantemente sul rapporto genitori-figli.

L’indagine lo conferma:

-il 71% dei padri intervenuti ha notato una modifica sostanziale del proprio rapporto con i figli nell’anno appena trascorso;
- ben il 63% di questi denota un cambiamento in positivo, un miglioramento nel proprio rapporto con i figli.

Questa nota positiva pare essere di grande conforto sia per i padri sia per le loro aziende e datori di lavoro, che non possono che beneficiare dall’avere collaboratori con una vita domestica serena.

 

daniele bacchi"La pausa pranzo con l'intera famiglia a tavola ogni giorno della settimana per me è stato un regalo bellissimo e inaspettato. Ho quattro figli dagli 8 ai 13 anni e mi sono lanciato, pranzo dopo pranzo, in discussioni sempre più interessanti, coinvolgendoli anche in tematiche  lavorative. Provocarli e spronarli a condividere le loro opinioni e osservare le loro personalità formarsi giorno dopo giorno attraverso il dibattito è tutt'oggi commovente nel mio ruolo di padre."  Daniele Bacchi, CEO R-Everse

 

4. Complessivamente soddisfatti

Traendo le somme tra una quarantena e l’altra, dall’indagine emerge che i padri italiani sono complessivamente soddisfatti dell’equilibrio che riescono a creare tra casa e ufficio.

Non è un dato da poco, considerando quanto è strategico questo aspetto per le aziende: collaboratori stressati e in affanno portano con sé cariche d’ansia che si trasferiscono a tutto l’ufficio.

 

5. Come migliorare l’equilibrio?

Volendo comunque andare a capire cosa potrebbe portare ulteriori benefici all’equilibrio famiglia/ufficio, abbiamo indagato su quali siano gli ambiti suscettibili di miglioramento. Le richieste e gli aspetti che aiuterebbero a conciliare meglio l’equilibrio tra mondo del lavoro e familiare riguardano principalmente gli orari di lavoro flessibili (29%), una legislazione più attenta alla paternità (26%), e poter usufruire dello smart working più frequentemente (18%).     

Tra chi ha risposto “altro” troviamo suggerimenti soprattutto sull’attenzione delle istituzioni su questo tema, e sulla formazione degli insegnanti perché si possano destreggiare al meglio in questo nuovo modo di fare scuola. Ecco alcune risposte degli intervistati:

“Un'attenzione maggiore alla paternità da parte delle istituzioni e ovviamente applicazioni che agevolino la flessibilità d’orario alle aziende."

"Sono le istituzioni che devono applicare degli incentivi anche semplici per permettere alle famiglie di rimanere tali o di allargarsi. Oggi capisco i giovani che non percependo certezza nel futuro non creano famiglie. E l’Italia invecchia.”

“Insegnanti che sappiano usare correttamente ed intelligentemente gli strumenti DAD.”

 


Ecco alcuni consigli pratici per mantenere alta la motivazione dei team da remoto:

New call-to-action

Topics: HR vs Azienda

Team Reverse

Written by Team Reverse

Articoli correlati

L’impegno ecologico come leva per l’employer branding

19 April, 2021
I motivi per cui essere ecosostenibili non solo è eticamente corretto, ma ha anche un valore strategico.
Leggi tutto
I motivi per cui essere ecosostenibili non solo è eticamente corretto, ma ha anche un valore strategico.

Leggi tutto

Work Life Balance: consigli pratici per ottimizzarlo, anche da remoto

15 April, 2021
In questo momento storico in cui è favorito il lavoro fuori dall'ufficio (vedi in proposito il nostro articolo sullo smartworking) il rapporto tra vita privata e lavorativa si fa più fluido. Approfondiamo il tema.   1. L’era del Mega Direttore Galattico è finita Trovare un equilibrio soddisfacente tra le molteplici dimensioni che fanno parte della nostra vita è da sempre un problema segnalato da una gran schiera di professionisti.  Spesso, il tempo è percepito come una risorsa scarsa e la sensazione che prevale è che siano altri a gestirlo per noi, determinando a quali ambiti della nostra ...
Leggi tutto
In questo momento storico in cui è favorito il lavoro fuori dall'ufficio (vedi in proposito il nostro articolo sullo smartworking) il rapporto tra vita privata e lavorativa si fa più fluido. Approfondiamo il tema.   1. L’era del ...

Leggi tutto